Cosa fa il Notaio? – Il ruolo del Notaio in Italia oggi

Il Notaio, figura fondamentale nel panorama giuridico italiano, assume un ruolo cruciale nella tutela degli interessi delle parti in un contratto, assicurando la conformità alla legge e la pubblica fede degli atti pubblici e delle scritture private autenticate sottoscritti in sua presenza.

Le sue aree di competenza sono varie e di grande importanza. Il Notaio si occupa di compravendite, permute, donazioni, divisioni, atti societari, testamenti e convenzioni matrimoniali.

Il Notaio svolge anche funzioni di consulenza legale, offrendo supporto e consigli in materia di diritto civile, commerciale e successorio.

Grazie alla sua professionalità e imparzialità, il Notaio garantisce sicurezza e certezza giuridica in qualunque tipo di atto che riceve.

Nel 2023, il suo ruolo si è ulteriormente ampliato, grazie a recenti modifiche legislative che hanno esteso la sua competenza nel campo della volontaria giurisdizione.

Analizziamo tutti questi aspetti in dettaglio, per rispondere in modo approfondito alla domanda: cosa fa il notaio?

 

Concetti chiave

  • Il Notaio è un pubblico ufficiale che in Italia svolge un ruolo fondamentale nella tutela degli interessi dei cittadini in ambito immobiliare, societario e successorio, conferendo pubblica fede agli atti stipulati in sua presenza. Le sue funzioni includono la redazione di atti pubblici e l’autenticazione di scritture private, la consulenza alle parti e il controllo preventivo dei contratti.
  • Il percorso formativo per diventare Notaio in Italia richiede l’acquisizione di un solido background accademico, che comprende il conseguimento di una laurea in giurisprudenza, seguito da un processo di selezione attraverso un concorso pubblico.
  • Nel 2023, il ruolo del Notaio in Italia ha subito modifiche significative, con un’estensione della competenza notarile per le autorizzazioni relative alle questioni di giurisdizione volontaria, in seguito al Decreto Legislativo n. 149 del 10 ottobre 2022.
Cosa fa il notaio? - Copertina

Chi è e che ruolo ha il Notaio

Il Notaio è un pubblico ufficiale che svolge un ruolo di fondamentale importanza nella tutela degli interessi delle parti che intendono stipulare un contratto. In Italia, il Notaio è appunto un pubblico ufficiale che ha il compito di conferire pubblica fede agli atti stipulati in sua presenza.

Le funzioni del Notaio sono molteplici e si possono riassumere in quattro punti principali:

1) La redazione di atti pubblici, come ad esempio atti di compravendita, mutui ipotecari, separazioni consensuali, testamenti etc. Questi atti, ottenuti mediante la presenza del Notaio, hanno pieno valore legale e costituiscono piena prova anche per il Giudice salvo che venga accertato il reato di falso.

2) L’attività di consulenza che il Notaio svolge nei confronti delle parti. In questo senso il notaio ha l’obbligo di accertare personalmente la volontà delle persone che si rivolgono a lui e lo scopo che intendono raggiungere, al fine di preparare un atto conforme a legge, che sia al contempo il più idoneo ed economico possibile. A tale scopo, consiglia soluzioni che consentano un risparmio fiscale nel pieno rispetto della legge.

3) Il controllo preventivo dei contratti stipulati in sua presenza. Questi controlli sono volti a far sì che l’atto rispetti le norme di legge e che le parti dell’atto possano validamente stipularlo.

4) Le attività successive alla conclusione dell’atto. Dopo la firma dell’atto, il notaio ha l’obbligo di svolgere una serie di adempimenti, entro tempi brevi, al fine di garantire, da un lato, il pagamento delle imposte allo Stato e, dall’altro, la pubblicità verso i terzi e la sicurezza dell’operazione a vantaggio di tutti i cittadini.

Infografica: cosa fa il notaio

A cosa serve il Notaio?

Il Notaio ha come funzione specifica quella di garantire l’autenticità degli atti pubblici che redige. In particolare, verifica l’identità delle parti coinvolte nell’atto, assicura che le stesse abbiano la capacità di agire, controlla la corretta forma dell’atto in base alle norme di legge e, in caso di atti relativi a beni immobili, effettua i controlli ipotecari e catastali necessari per verificare eventuali gravami o formalità pregiudizievoli sul bene oggetto di compravendita.

Gli atti notarili sono registrati e conservati dal notaio presso cui sono stati redatti, il quale dovrà rilasciare a richiesta delle parti copie estratti e certificati dei medesimi. 

L’attività del Notaio viene infine controllata dall’Archivio Notarile distrettuale, che ha il compito di verificare la corretta redazione e archiviazione degli atti pubblici e di assicurare che il Notaio svolga la sua attività nel rispetto delle norme di legge e dei doveri professionali previsti. 

Modifiche al ruolo del Notaio nel 2023

Nel 2023, il ruolo del Notaio in Italia ha subito alcune modifiche significative a seguito del Decreto Legislativo n. 149 del 10 ottobre 2022, attuativo della Legge n. 206 del 26 novembre 2021.

Queste modifiche, entrate in vigore il 28 febbraio 2023, sono state introdotte con l’obiettivo di semplificare, accelerare e razionalizzare il processo civile​.

Una delle più rilevanti è l’estensione della competenza notarile per le autorizzazioni relative alle questioni di giurisdizione volontaria.

Secondo l’articolo 21, paragrafo 1, del suddetto decreto, le autorizzazioni per la conclusione di atti pubblici e contratti privati certificati in cui intervenga un minore, un interdetto, una persona incapace o un beneficiario della misura di amministrazione di sostegno, o riguardanti beni ereditari, possono essere rilasciate, su richiesta scritta delle parti, personalmente o tramite un procuratore legale, dal Notaio incaricato di redigere l’atto.

Inoltre, il Notaio deve notificare l’autorizzazione al tribunale che avrebbe avuto la competenza di rilasciare l’autorizzazione giudiziaria corrispondente, e al pubblico ministero presso detto tribunale, anche ai fini del completamento delle formalità di pubblicazione​.

Attività e competenze

Vediamo ora una concreta panoramica delle attività che svolge il Notaio, partendo dalla tipologia di atti che che redige, per poi analizzare la sua competenza tributaria e l’attività di consulenza delle parti.

Quali atti si fanno dal Notaio?

1. Atti Immobiliari – Il Notaio offre assistenza nella compravendita, donazione, permuta e divisione di immobili, preparando tutta la documentazione richiesta per il trasferimento degli stessi, garantendo che gli atti siano conformi alle leggi vigenti.

2. Mutuo e Ipoteca – Il Notaio è responsabile della redazione dell’atto notarile di mutuo, che formalizza l’accordo tra il mutuatario e la banca, e dell’iscrizione dell’ipoteca sulla proprietà, che serve come garanzia per il prestito. Inoltre, assicura che tutte le parti coinvolte comprendano i termini dell’accordo e che l’operazione sia conforme alla legge.

3. Successioni – Il Notaio garantisce che tutte le norme di legge in materia di successione vengano rispettate e si occupa della redazione e della pubblicazione del testamento olografo, del testamento pubblico e dell’atto di accettazione dell’eredità.

4. Famiglia e Persona – Il notaio si occupa di stipulare convenzioni matrimoniali tra coniugi quali la separazione dei beni o il fondo patrimoniale e può redigere e autenticare i contratti di convivenza, che regolano i rapporti patrimoniali e personali tra conviventi non sposati.

5. Volontaria Giurisdizione – Il Notaio si occupa di tutti i procedimenti di giurisdizione volontaria, quali il rilascio di autorizzazioni per pratiche successorie e la stipula di atti immobiliari per minori interdetti, inabilitati e soggetti sottoposti ad amministrazione di sostegno.

6. Aziende e Società – Il Notaio offre la possibilità di costituire ed iscrivere presso il Registro delle Imprese ogni tipo di società, di modificarne i patti sociali o gli statuti, di cederne le relative quote di partecipazione nonché di stipulare atti di cessione o affitto di azienda.

7. No Profit – Il notaio svolge un ruolo fondamentale nel contesto degli enti no-profit offrendo competenze specifiche che includono la redazione dello statuto e l’assistenza nella costituzione dell’ente, la consulenza in tema di modifiche statutarie nonché per l’eventuale iscrizione dell’ente nel  Registro Unico Nazionale del Terzo Settore (RUNTS).

8. Diritto Internazionale – Nel caso di documenti che devono essere utilizzati in paesi stranieri, il notaio può fornire servizi di legalizzazione o apostille sui documenti. Questi processi attestano l’autenticità della firma del notaio e la validità legale del documento a livello internazionale.

9. Nuove Tecnologie – Il Notaio si occupa della redazione di documenti inerenti all’uso di nuove tecnologie, come ad esempio i contratti di licenza e i contratti di servizio per la diffusione di software. Nell’area della tecnologia blockchain, il Consiglio Nazionale del Notariato italiano sta spingendo verso l’uso di ecosistemi più aperti e pubblici, come quello del Bitcoin. È stato avviato un progetto chiamato “Notarchain”, che fornisce ai notai strumenti basati sulla blockchain per la registrazione di informazioni e documenti. Il Consiglio sta anche esplorando l’uso di strutture senza permessi per superare le limitazioni relative all’anonimato delle operazioni e all’impossibilità di identificare i beneficiari delle transazioni.

Funzione tributaria e fiscale

Il Notaio riveste una funzione tributaria e fiscale molto importante, poiché è incaricato di riscuotere per conto dello Stato le imposte relative agli atti che stipula. In pratica, il Notaio deve trattenere l’imposta dovuta sui contratti che redige, versandola poi direttamente al fisco.

Le imposte che vengono versate sono diverse in base all’atto stipulato. Ad esempio, per l’acquisto di un immobile si versano l’imposta di registro (o l’IVA se si compra da un costruttore), l’imposta ipotecaria e l’imposta catastale. Invece, se si tratta di un atto di donazione, viene applicata l’imposta di successione.

Va anche tenuto presente che il professionista non percepisce alcun aggio a carico dello Stato per le imposte riscosse, ma riceve solo una parcella per il proprio lavoro di redazione degli atti. Questo garantisce l’assenza di interessi personali o di conflitti di interessi nel suo operato.

Attività di consulenza

Il Notaio non è solo un pubblico ufficiale che si occupa della redazione di atti notarili e della attribuzione della pubblica fede ai documenti, ma è anche una figura professionale competente in molte questioni legali che riguardano il diritto immobiliare, il diritto familiare, il diritto di successione e il diritto commerciale.

Pertanto, l’attività di consulenza è una parte integrante della professione del Notaio e viene svolta in modo attento e professionale.

Essa consiste nel fornire alle parti coinvolte chiarimenti sul contenuto delle clausole contrattuali e sull’effetto giuridico delle stesse. Il Notaio, inoltre, fornisce modelli contrattuali sulla base della normativa vigente, aiutando le parti a concordare condizioni equilibrate e favorevoli per entrambe.

In qualità di consulente qualificato, offre pareri accurati su varie questioni, come la pianificazione patrimoniale, la costituzione di società, il trasferimento di proprietà immobiliari, la redazione di testamenti, le questioni di diritto comunitario e molte altre.

Il Notaio offre anche servizi di redazione e revisione di contratti, controllando che siano legalmente validi per le parti coinvolte.

Attività successive alla conclusione dell’atto

Dopo la firma dell’atto, il notaio deve effettuare, entro breve termine:

a) la registrazione dell’atto presso l’Agenzia delle Entrate e il pagamento delle relative imposte per conto del cliente;

b) il deposito dell’atto – a tutela dell’intera collettività – presso i Registri Pubblici, al fine di renderlo noto ed efficace nei confronti di tutti (tecnicamente definiti terzi). La legge prevede il deposito dell’atto presso la conservatoria dei registri immobiliari competente, in modo che tutti possano conoscere il proprietario dell’immobile e verificare se quest’ultimo sia gravato da ipoteche o altri vincoli.

c) l’aggiornamento catastale, per tenere anche il Catasto al passo con l’atto appena stipulato.

LETTURA CORRELATAL’allineamento catastale nell’attività notarile


Domande frequenti

Cosa fa un Notaio, in parole semplici?

Un Notaio è un professionista del diritto che prepara, autentica e registra documenti aventi rilevanza legale, come contratti di compravendita immobiliare e testamenti, assicurandosi che siano validi e rispettino le leggi vigenti. Inoltre, funge da terza parte imparziale nelle transazioni per garantire che tutti gli interessi coinvolti siano tutelati.

Cosa si studia per diventare Notaio?

Per diventare Notaio, si deve conseguire una laurea in giurisprudenza, seguire un periodo di pratica in uno studio notarile per 18 mesi (con la possibilità di anticipare 6 mesi già nell’ultimo anno di università), e superare un concorso pubblico gestito dal Ministero della Giustizia​.

Quali sono i compiti del Notaio?

Il Notaio, in nome dello Stato, garantisce la certezza del diritto e la legalità delle operazioni che si intendono svolgere. È un organo super partes, che ha l’obiettivo di assicurare un equilibrio tra gli interessi delle parti coinvolte​.


Contenuti correlati

Lascia un commento